La stagione dei Mormoni

Pubblicato: 06/26/2011 in FIBA, NBA
Tag:, , , ,

Jimmer Fredette, Mitt Romney, Jon Huntsman e The Book of Mormons. Una nuova generazione di mormoni alla conquista del mondo ed un acclamatissimo musical di Broadway stanno portando il Mormonismo sulla cresta dell’onda come mai era capitato prima.  La domanda e’ d’obbligo: Mormone e’ bello o Fear the Mormon?

Jimmer Fredette, spedito a Sacramento appena dopo essere stato pescato alla 10 dai Bucks, si candida per acclamazione popolare a diventare il Micheal Jordan Mormone. La concorrenza non e’ esattamente spietata: JC Carroll (visto a Teramo), Travis Hansen (onesta carriera europea), Shawn Bradley (2.26 bersaglio preferito dagli schiacciatori neri e star di Space Jam), Danny Ainge (mestierante di successo da giocatore, un’ottima carriera come dirigente) e Thurl Bayles (califfo nero di 2,15 che spiegava a Milano e Cantu’ a fine carriera) sono alcuni dei membri principali di una ipotetica Hall of Fame mormona. Fredette, a livello NCAA, era una macchina da canestri che ha fatto cascare svariate mascelle a suon di trentelli e quarantelli. Ma quale ruolo avra’ nell’NBA con quel (non) fisico? Accanto a Tyreke Evans? Posto sempre che la stagione inizi (come anticipato gia’ nel post precedente)..

Mitt Romney si candida nuovamente a Presidente degli Stati Uniti, dopo avere perso la sfida interna nelle primarie Repubblicane contro Nonno Mc Cain nel 2008. Ex businessman con un patrimonio stimato nel 2007 tra i 190 e 250 milioni di dollari , ex governatore Massachussets, piu’ volte sposato (ahia questo stona un po’ col mormonesimo),  padre di 5 figli e nonno di 16 nipoti ( invece qui ci siamo, in piena media mormona), questa volta nessun altro membro del GOP sembra potere insidiare seriamente la sua corsa alla casa bianca, e recenti sondaggi della ABC lo danno addirittura in vantaggio su Obama. No, aspetta, forse qualcuno che lo puo’ impensierire c’e’, e indovina un po’?Non e’ una cacciatirce di alci dell”Alaska o un’avvocatessa che non crede nel riscaldamento globale  (doppio sigh nda), ma un altro mormone dallo Utah!

BO proclama Jon Hunstman ambasciatore in Cina

A Jon Hunstman e’ stato chiesto se essere mormone possa rappresentare un punto a suo sfavore, qualcosa da giustificare agli occhi degli elettori scettici. La sua risposta cauta, studiata e politically correct suggerisce che si’, agli occhi dell’elettore medio, essere seguaci di Joseph Smith va spiegato e inquadrato. Huntsman prese il canonico anno sabbatico all’high school per andare in Cina a fare proselitismo. Imparo’ il mandarino alla perfezione e rimase legato a doppio filo al paese del Dragone per tutta la sua vita. Ambasciatore USA a Singapore quando aveva 32 anni, da governatore dello Utah ha introdotto un sistema scolastico bilingue tale per cui uno studente arriva all’high school gia’ in grado di padroneggiare quella lingua orientale, non esattamente la piu’ semplice al mondo. Ha 7 figli, di cui 2 adottati dalla Cina. Per rilassarsi va in motocross. Si  candida come Presidente degli Stati Uniti, sperando di potere sfidare quell’Obama che tutti i suoi colleghi repubblicani stanno dileggiando e demonizzando e che lui, invece, ha appena finito di servire come Ambasciatore a Pechino. Nel contesto di una serie di salti mortali retorici per divincolarsi dalle “accuse” di essere un Obama-guy, ha dichiarato che la sua ambizione e’ essere un migliore Presidente di Obama, non un migliore Americano.

The Book of Mormons ormai non si candida piu‘, per il semplice motivo che ha gia’ vinto tutto. Musical partorito dalle menti geniali degli autori di South Park Matt Stone e Trey Parker, racconta la storia di due giovani missionari mormoni che hanno l’arduo compito di fare proselitismo in un villaggio remoto dell”Uganda. Chris Rock, che alla cerimonia dei Tony awards era incaricato di consegnare il premio per miglior musical, ha scelto il seguente preambolo per aprire la fatidica busta: “dai ragazzi, sappiamo tutti chi vincera’..sta pantomima e’ come portare un mignotta a cena fuori..”. Un’apoteosi sancita da coralmente da botteghino e critica: sold out perennne a broadway e ben nove awards portati a casa.

Ma perche’ i mormoni interessano? Come possono “spostare” cosi’ tanto?

Ma soprattutto: chi sono sti mormoni e cosa vuol dire essere mormone? Come sempre, South Park ha una risposta.

http://www.southparkstudios.com/clips/104253/joseph-smith-part-1

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...